Il Codice Etico è la “Carta Costituzionale” del Gruppo 3C, una carta dei diritti e doveri morali che definisce la responsabilità etico–sociale di ogni partecipante alle organizzazioni aziendali.

Il Codice Etico è uno strumento efficace per prevenire comportamenti irresponsabili o illeciti da parte di chi opera in nome e per conto del Gruppo, perché introduce una definizione chiara ed esplicita delle proprie responsabilità etiche e sociali verso tutti i soggetti coinvolti direttamente o indirettamente nelle attività delle aziende (clienti, fornitori, soci, cittadini, dipendenti, collaboratori, istituzioni pubbliche, associazioni ambientali e chiunque altro sia interessato dalle attività delle aziende del Gruppo).

Il Codice Etico è il principale strumento di implementazione dell’etica all’interno al Gruppo, volto a chiarire e definire l’insieme dei principi a cui sono chiamati ad uniformarsi i suoi destinatari nei loro rapporti reciproci, nonché nel relazionarsi con portatori di interessi reciproci nei confronti della società. I destinatari sono pertanto chiamati al rispetto dei valori e principi del Codice Etico e sono tenuti a tutelare e preservare, attraverso i propri comportamenti, la rispettabilità e l’immagine del Gruppo 3C, nonché l’integrità del suo patrimonio economico ed umano.

Il Codice Etico comunque non sostituisce e non prevale sulle leggi vigenti e sul Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro in essere.

Il Gruppo 3C intende, attraverso il Codice Etico:

  1. Definire ed esplicitare i valori ed i principi etici generali che informano la propria attività ed i rapporti con clienti, fornitori, soci, cittadini, dipendenti, collaboratori, amministratori, istituzioni pubbliche ed ogni altro soggetto che sia coinvolto nelle attività del Gruppo.
  2. Formalizzare l’impegno a comportarsi sulla base dei seguenti principi etici: legittimità morale, equità ed eguaglianza, tutela della persona, tutela dell’ambiente, diligenza, trasparenza, onestà, riservatezza, imparzialità, protezione della salute.
  3. Ribadire l’impegno a tutelare i legittimi interessi dei propri soci.
  4. Indicare ai propri dipendenti, collaboratori ed amministratori i principi di comportamento, i valori e le responsabilità di cui richiede il puntuale rispetto nel corso dell’erogazione della prestazione lavorativa.
  5. Definire gli strumenti di attuazione. L’attuazione dei principi contenuti nel Codice Etico è affidata alla Proprietà – Direzione Generale. Ad essa è affidato il compito di diffondere la conoscenza e la comprensione del Codice Etico in azienda, monitorare l’effettiva attivazione dei principi contenuti nello stesso, ricevere segnalazioni in merito alle violazioni, intraprendere indagini e comminare sanzioni

Definire la metodologia realizzativa attraverso:

  1. L’analisi della struttura aziendale per l’individuazione degli obiettivi e dei soggetti coinvolti nell’attività del Gruppo;
  2. La discussione interna per l’individuazione dei principi etici generali da perseguire, le norme etiche per le relazioni del Gruppo con i vari interlocutori, gli standard etici di comportamento;
  3. L’adeguamento delle organizzazioni aziendali ai principi del Codice Etico. In particolare, riveste particolare importanza l’attività di formazione etica, finalizzata a mettere a conoscenza tutti i soggetti coinvolti dell’esistenza del Codice Etico e di assimilarne i contenuti. Il dialogo e la partecipazione sono indispensabili per condividere con tutto il personale i valori presenti in questo importante documento.

 

 

La “Mission”

La “mission” del Gruppo 3C poggia su tre validi pilastri:

  1. Sicurezza: è il fulcro dell’attività del Gruppo 3C che vuole rendere facile e fruibile anche la tecnologia più avanzata in base alle esigenze espresse dalle Aziende Clienti, attraverso la conoscenza delle soluzioni, spesso complesse, dalle Best Practice dettate dai Vendor, nonché dalla notevole esperienza maturata dai nostri specialisti per mettere in sicurezza l’infrastruttura e i dati dei Clienti. Per la Cyber Security garantiamo servizi di alto profilo per la sicurezza del dato, patrimonio aziendale. 3C assolve a questo ruolo potendo prendere in esame e gestire direttamente tutti gli elementi infrastrutturali più importanti: connettività, risparmio energetico, networking, soluzioni di sicurezza perimetrali, servizi cloud, soluzioni di backup, business continuity, disaster recovery.
  2. Innovazione: è il live motive su cui il Gruppo 3C basa la propria filosofia. Siamo in grado di fornire alle Aziende servizi di consulenza, progettazione, implementazione di soluzioni, post vendita, assistenza tecnica, sistemistica e specialistica in ordine all’infrastruttura informatica. Forte di rapporti consolidati con i principali Vendor e delle certificazioni conseguite, proponiamo le migliori soluzioni disponibili sul mercato e servizi a livello di eccellenza, occupandosi anche della fornitura dell’hardware e dei software necessari alla loro implementazione. Le Aziende, dovendosi concentrare sul loro core business e non potendo più prescindere dal rimanere al passo con la tecnologia, hanno pertanto la necessità di appoggiarsi ad un Partner tecnologico in grado di guidarle nelle scelte e nella gestione della loro infrastruttura ICT.
  3. Scalabilità: è quanto si vuole assicurare alle Aziende grazie alla nostra professionalità, competenza e continua attenzione all’innovazione per permettere una crescita gestita e pianificata. Il confronto frequente con i nostri partner e l’attenzione alla Customer Satisfaction costituiscono la nostra volontà nel rispondere sempre meglio ai desiderata dei Clienti.

 

Condividiamo, con entusiasmo, gli obiettivi dei nostri Clienti e le sfide necessarie a primeggiare in un mercato globale. Abbiamo sviluppato modelli di gestione ed organizzazione delle risorse umane, di impiego delle soluzioni e dei servizi a valore erogati, che privilegi la competitività e favorisca la crescita ed il consolidamento del Gruppo 3C.

L’impegno del Gruppo 3C è volto quindi ad assicurare ai Clienti:

  1. Tempestività nell’intervento
  2. Qualità del servizio erogato
  3. Competenza e professionalità delle risorse impiegate
  4. L’impiego delle migliori tecnologie disponibili
  5. Rispetto degli impegni e degli accordi presi

Il Gruppo 3C è consapevole che il perseguimento della propria missione non può tuttavia prescindere dal rispetto assoluto delle leggi e dei principi di lealtà, correttezza, onestà, integrità e buona fede che caratterizzano la propria azione.

 

 

I Vertici aziendali

Il management del Gruppo, nella consapevolezza delle proprie responsabilità, si ispira ai principi contenuti nel presente Codice di comportamento, ispirando la propria attività a valori di onestà, integrità nel perseguimento degli obiettivi aziendali, lealtà, correttezza, rispetto delle persone e delle regole, collaborazione reciproca.

L’impegno dei vertici aziendali è la conduzione responsabile della società, nel perseguimento di obiettivi di creazione di valore. La collaborazione tra management e Presidente si basa su un sistema di condivisione degli obiettivi strategico-operativi propri della missione del Gruppo 3C, in cui i diversi ruoli di gestione, coordinamento, indirizzo e controllo trovano un armonico equilibrio.

Grava sui singoli la valutazione delle situazioni di conflitto d’interesse o di incompatibilità di funzioni, incarichi e posizioni all’esterno così come all’interno del Gruppo. È fatto onere a ciascun componente di usare il massimo rigore nell’apprezzamento di tali circostanze, a vantaggio di un rapporto trasparente e proficuo della società nei confronti dei soggetti coinvolti nell’attività del Gruppo, le istituzioni, i soci e gli utenti.

Ai componenti dei vertici aziendali è richiesto:

  1. Un comportamento ispirato ad autonomia e indipendenza, fornendo informazioni corrette,
  2. Un comportamento ispirato ad integrità, lealtà e senso di responsabilità nei confronti della società,
  3. La partecipazione assidua ed informata,
  4. La consapevolezza del ruolo,
  5. La condivisione degli obiettivi e spirito critico, al fine di garantire un contributo personale significativo.

La legittima manifestazione di posizioni divergenti non può ledere l’immagine, il prestigio e gli interessi del Gruppo, che gli organi di vertice devono difendere e promuovere. Eventuali interviste, dichiarazioni ed ogni intervento in pubblico debbono avvenire in un quadro di stretta coerenza con tale principio.

Le informazioni ricevute per ragioni di ufficio sono considerate riservate e ne è vietato ogni uso non derivante dall’espletamento istituzionale delle funzioni cui ciascun membro dei vertici aziendali.

Gli impegni di lealtà e riservatezza assunti accettando la carica vincolano collaboratori e Presidente anche successivamente alla cessazione del rapporto con la Società.

 

Le risorse umane

Il Gruppo 3C attribuisce la massima importanza a quanti prestano la propria attività lavorativa all’interno delle compagini sociali, contribuendo direttamente allo sviluppo del Gruppo, perché è proprio attraverso le risorse umane che Gruppo 3C è in grado di fornire, sviluppare, migliorare e garantire un’ottimale gestione dei propri servizi.

È inoltre interesse del Gruppo favorire lo sviluppo e la crescita professionale del potenziale di ciascuna risorsa anche allo scopo di accrescere il patrimonio delle competenze possedute da ciascun dipendente o collaboratore.

 

Principi deontologici del Gruppo 3C

  1. Il Gruppo 3C si impegna a realizzare condizioni di lavoro funzionali alla tutela dell’integrità psico-fisica e della salute dei lavoratori ed al rispetto della loro personalità morale, evitando discriminazioni, illeciti condizionamenti ed indebiti disagi;
  2. Adotta criteri di merito, di competenza e comunque strettamente professionali per qualunque decisione relativa al rapporto di lavoro con i propri dipendenti e collaboratori esterni; pratiche discriminatorie nella selezione, assunzione, formazione, gestione, sviluppo e retribuzione del personale, nonché ogni forma di nepotismo o di favoritismo, sono espressamente vietate. Ogni assunzione o promozione deve effettuarsi rispettando criteri di merito e di competenza.
  3. Richiede ai responsabili ed a tutti i collaboratori, ciascuno per quanto di competenza, di adottare comportamenti coerenti con i principi di cui ai punti precedenti.

Ferme restando le prescrizioni di legge e contrattuali in materia di doveri dei lavoratori, ai dipendenti sono richiesti professionalità, dedizione, lealtà, spirito di collaborazione e rispetto reciproco.

Le dinamiche, che caratterizzano il contesto nel quale la società si muove, richiedono l’adozione di comportamenti trasparenti. Il principale fattore di successo è dato dal contributo

professionale ed organizzativo che ciascuna delle risorse umane impegnate assicura.

Ogni dipendente o collaboratore di Gruppo 3C:

  1. Orienta il proprio operato a professionalità, trasparenza, correttezza ed onestà, contribuendo con colleghi, superiori e collaboratori al perseguimento degli obiettivi comuni;
  2. Impronta la propria attività, qualunque sia il livello di responsabilità connesso al ruolo, al più elevato grado di efficienza, attenendosi alle disposizioni operative impartite dai livelli gerarchici superiori;
  3. Adegua i propri comportamenti interni ed esterni ai principi ed ai valori di cui al presente Codice, nella consapevolezza delle responsabilità di cui Gruppo 3C richiede il rispetto nel corso dell’erogazione della prestazione lavorativa. In particolare si attiene a tutte le indicazioni e disposizioni del Gruppo in termini di sicurezza sul lavoro nel rispetto della normativa vigente;
  4. Assume, nei rapporti con i colleghi, comportamenti improntati ai principi di civile convivenza e di piena collaborazione e cooperazione;
  5. Considera la riservatezza principio vitale dell’attività.

Il rispetto delle leggi e dei regolamenti vigenti è obbligo specifico di ogni dipendente, il quale è tenuto a segnalare al proprio responsabile:

  1. Qualunque violazione – realizzata in ambito aziendale – di norme di legge o regolamento, ovvero del presente Codice;
  2. Ogni episodio di omissione, falsificazione o trascuratezza nella tenuta della contabilità o nella conservazione della documentazione su cui si fondano le registrazioni contabili;
  3. Eventuali irregolarità o malfunzionamenti relativi alla gestione e alle modalità di erogazione delle prestazioni, nella certezza che nessun tipo di ritorsione verrà posto in essere nei suoi confronti.

Sono vietati ai dipendenti:

  1. Il perseguimento di interessi personali a scapito di quelli aziendali;
  2. Lo sfruttamento del nome e della reputazione del Gruppo 3C a scopi privati ed analogamente lo sfruttamento a fini personali della posizione ricoperta all’interno di Gruppo 3C e delle informazioni acquisite nel corso della prestazione lavorativa;
  3. L’adozione di atteggiamenti che possano compromettere l’immagine della società;
  4. L’uso di beni sociali per scopi diversi da quelli ad essi propri;
  5. Il consumo inutile o l’impiego non razionale di mezzi e risorse;
  6. La diffusione a terzi o l’uso a fini privati o comunque improprio di informazioni e notizie riguardanti Gruppo 3C;
  7. L’espletamento di mansioni lavorative – anche a titolo gratuito – in contrasto o in concorrenza con la società.

È fatto loro obbligo di evitare le situazioni anche solo apparenti di conflitto di interesse con la società, e comunque di comunicare ai responsabili gerarchici l’insorgere di dette situazioni. Il dipendente informa il responsabile operativo degli interessi finanziari o non finanziari che egli o suoi parenti o soggetti con i quali abbia avuto rapporti di collaborazione in qualunque modo retribuita, abbiano in attività connesse all’ufficio. In tutti i suddetti casi il dipendente si astiene dal partecipare alle relative attività.

Nell’ambito dell’attività lavorativa il dipendente non frequenta persone o rappresentanti di imprese che abbiano in corso con il Gruppo 3C procedimenti contenziosi.

Il dipendente nell’adempimento dei suoi compiti assicura la parità di trattamento tra coloro che vengono in contatto con il Gruppo 3C. Egli non accetta né tiene conto di raccomandazioni o segnalazioni, comunque denominate, in qualunque forma, a forza o a danno di soggetti con i quali viene in contatto per ragioni del proprio ufficio.

L’interruzione o la risoluzione del rapporto lavorativo con la società, indipendentemente dalla causa, non giustificano la rivelazione di informazioni riservate o l’esternazione di considerazioni che possano arrecare danno all’immagine e agli interessi del Gruppo.

I dipendenti sono tenuti ad impiegare i beni messi a loro disposizione nel rispetto della loro destinazione d’uso ed in modo da tutelarne la conservazione e la funzionalità.

Il dipendente non utilizza a fini personali cancelleria, elaboratori, fotocopiatrici od altra attrezzatura di cui dispone per ragioni d’ufficio.

Fermo restando il divieto generale di fumare negli ambienti di lavoro contraddistinti da apposite indicazioni, il Gruppo 3C nelle situazioni di convivenza lavorativa, terrà in particolare considerazione la necessità del dipendente di essere preservato dal contatto con il “fumo passivo”.

 

Rapporti gerarchici

Il comportamento di ciascun responsabile si conforma ai valori del Codice etico e rappresenta un esempio per i propri collaboratori.

I Responsabili instaurano con i propri collaboratori rapporti improntati al rispetto reciproco e ad una proficua cooperazione, favorendo lo sviluppo dello spirito di appartenenza al Gruppo 3C. La motivazione dei dipendenti e la diffusione dei valori aziendali – in modo da consentirne l’interiorizzazione e la condivisione – sono essenziali: in tale ottica si pone l’impegno all’implementazione e al mantenimento di flussi informativi corretti, validi e motivanti, in grado di dare al dipendente la consapevolezza del contributo apportato all’attività aziendale da ciascuna delle risorse coinvolte.

Ciascun responsabile sostiene la crescita professionale delle risorse assegnate, tenendo in considerazione le attitudini di ciascuno nell’attribuzione dei compiti, onde realizzare una reale efficienza in ambito operativo. A tutti sono assicurate le medesime opportunità di esprimere il proprio potenziale professionale. Ogni responsabile presta la debita attenzione e, ove possibile e opportuno, dà seguito a suggerimenti o richieste dei propri collaboratori, in un’ottica di qualità totale, favorendo una partecipazione motivata alle attività del Gruppo.

Il management è chiamato a favorire un approccio positivo alla funzione di controllo, in una prospettiva di piena collaborazione coerente con quel senso di appartenenza al Gruppo 3C, che si intende promuovere presso tutti i propri dipendenti.

Il sistema dei controlli contribuisce a migliorare l’efficienza dei processi aziendali; è pertanto obiettivo comune di tutti i livelli della struttura organizzativa concorrere al suo efficace funzionamento, in primo luogo mediante il puntuale rispetto delle procedure interne, in modo da consentire la più agevole individuazione dei punti di responsabilità.

Ai collaboratori (interni ed esterni) viene chiesto di attenersi ai principi contenuti nel codice.

Il compenso da corrispondere deve essere commisurato alla prestazione indicata in contratto ed i pagamenti non potranno essere effettuati ad un soggetto diverso dalla controparte contrattuale, né in un paese terzo diverso da quello delle parti.

 

Rapporti con l’esterno

Correttezza, professionalità, efficienza, serietà e affidabilità costituiscono la base per l’instaurazione di un valido rapporto anche con fornitori e collaboratori esterni, la cui scelta viene operata in funzione di valutazioni basate su elementi di riferimento oggettivi. È fatto obbligo ai dipendenti di Gruppo 3C di assicurare pari opportunità alle aziende fornitrici in possesso dei requisiti richiesti.

La selezione dei fornitori e la determinazione delle condizioni d’acquisto, devono essere basate su una valutazione obiettiva della qualità, dell’utilità, del prezzo dei beni e servizi chiesti, della capacità della controparte di fornire e garantire tempestivamente beni e servizi di livello adeguato alle esigenze del Gruppo 3C, nonché della sua integrità e solidità.

Il Gruppo 3C è disponibile alla ricerca di soluzioni amichevoli ai problemi che dovessero insorgere con l’utenza nella prospettiva di superare le posizioni divergenti e di addivenire ad una loro conciliazione. Analogo spirito informa il rapporto di Gruppo 3C con i propri fornitori e collaboratori esterni; è peraltro fatto obbligo ai dipendenti di segnalare tempestivamente alle funzioni competenti eventuali problemi di rilievo insorti, al fine di consentire l’adozione delle misure volta per volta più opportune.

Nei rapporti con gli utenti e fornitori o con altri soggetti con i quali vengano in contatto per motivi di lavoro, i vertici aziendali ed i dipendenti non possono accettare compensi, omaggi o trattamenti di favore di valore più che simbolico; grava sul dipendente l’obbligo di informare il proprio responsabile gerarchico delle offerte ricevute in tal senso. Analogamente, è vietato offrire o corrispondere indebiti compensi, omaggi o trattamenti di favore di valore più che simbolico e comunque estranei alle normali relazioni di cortesia, nell’intento di favorire illecitamente gli interessi di Gruppo 3C.

 

Politica informativa

L’informazione verso l’esterno deve essere puntuale, veritiera e trasparente.

I rapporti con gli organi di stampa e gli altri organismi di informazione sono affidati alle funzioni aziendali a ciò preposte o a consulenti esterni. Analogamente è richiesto il preventivo accordo con le funzioni preposte per rappresentare le posizioni e l’attività del Gruppo 3C in qualsiasi forma ed occasione.

La circolazione interna delle informazioni è limitata ai soggetti portatori di un effettivo interesse aziendale a conoscerle e ad utilizzarle, i quali si astengono dal parlarne senza motivo o in luoghi non appropriati, anche per evitare di incorrere in rivelazioni involontarie. La divulgazione a terzi delle informazioni riservate e comunque ad uso interno richiede l’autorizzazione del Responsabile, nel rispetto delle procedure aziendali.

La salvaguardia del patrimonio sociale ricomprende la custodia e la protezione dei beni materiali ed intellettuali della società, nonché delle informazioni e dei dati di proprietà aziendale, dei quali i dipendenti vengono a conoscenza per ragioni d’ufficio. Per l’importanza strategica di tali informazioni, è necessaria una loro corretta condivisione, che consenta la realizzazione degli obiettivi comuni alle diverse funzioni, nella consapevolezza che la diffusione non autorizzata, la manomissione, l’uso indebito o la perdita possono arrecare danni al Gruppo 3C ed ai suoi azionisti.

La società mette a disposizione degli azionisti informazioni adeguate, mediante un flusso di comunicazioni tempestivo, anche attraverso il proprio sito internet nonché, laddove necessario, attraverso comunicati stampa o incontri.

Trattamento dei dati e delle Informazioni

Il Gruppo 3C garantisce il trattamento dei dati personali e sensibili relativi ai propri dipendenti e ai terzi secondo i criteri previsti dalla normativa vigente in materia di privacy.

I dipendenti sono tenuti a riservare ai dati personali dei quali vengono a conoscenza il trattamento più adeguato a tutelare le legittime aspettative degli interessati riguardo alla loro riservatezza, dignità ed immagine. Lo svolgimento dell’attività del Gruppo 3C comporta l’acquisizione, la conservazione, il trattamento, la comunicazione e la circolazione all’interno e all’esterno di documenti, studi, dati ed informazioni scritte, telematiche, e/o verbali. Queste informazioni, acquisite ed elaborate dai dipendenti nell’esercizio delle proprie mansioni, dovranno essere divulgate nel pieno rispetto degli obblighi di diligenza e fedeltà che derivano dalle norme e dai contratti di lavoro, nonché nel rispetto delle norme di legge.

La tenuta delle scritture contabili avviene in coerenza con i principi di trasparenza, veridicità, completezza dell’informazione che guidano l’intera politica informativa del Gruppo 3C. Le evidenze contabili del Gruppo 3C devono essere basate su informazioni precise, esaurienti e verificabili.

Ogni scrittura nei libri contabili deve riflettere la natura dell’operazione, rappresentarne la sostanza e deve essere basata su una adeguata documentazione di supporto in modo da consentire:

  1. L’agevole registrazione contabile;
  2. L’individuazione dei diversi livelli di responsabilità;
  3. L’accurata ricostruzione dell’operazione.

La Direzione Generale e l’Amministrazione hanno libero accesso ai dati, alla documentazione ed alle informazioni utili per lo svolgimento delle attività di controllo di loro competenza. Tutti i dipendenti sono tenuti a prestare la propria piena collaborazione a tale scopo.

 

Osservanza del codice

Obbligatorietà

L’osservanza delle norme del Codice Etico è parte essenziale delle obbligazioni contrattuali dei dipendenti a sensi e per gli effetti di cui agli articoli 2104 e 2106 del Codice Civile. Nei contratti di collaborazione è incluso l’obbligo all’osservanza del presente Codice. La violazione delle disposizioni del Codice Etico da parte dei dipendenti e collaboratori costituisce inadempimento delle obbligazioni contrattuali e potrà determinare, a seconda dei casi:

  1. L’applicazione delle sanzioni e dei provvedimenti disciplinari previsti dai Contratti Collettivi applicabili;
  2. La risoluzione del rapporto;
  3. L’applicazione di penali;
  4. Il risarcimento del danno.

Strutture di riferimento

Nessuno deve mai presumere di poter ignorare le normative ritenendo che ciò sia nell’interesse della Società. Inoltre nessuno all’interno della Società ha l’autorità di impartire ordini o direttive in violazione del presente Codice.

Ciascun collaboratore o dipendente è tenuto a riferire tempestivamente:

  1. Eventuali inosservanze del presente Codice,
  2. Ogni richiesta di violazione del medesimo, da chiunque proveniente, al proprio Responsabile ovvero, in alternativa, direttamente alla funzione preposta.

Considerazioni della Proprietà del Gruppo 3C

Queste considerazioni non sono altro che concetti che la Proprietà – Direzione Generale ha esplicitamente manifestato nell’intento di rispettare, affrontare tematiche più globali, crescere nel valore, trovare nuove e migliori soluzioni, migliorarsi.

Su questi concetti si basano i veri valori del Gruppo 3C:

  1. Le persone: l’elemento più importante, il mondo è fatto di persone e non si può prescindere da queste. Lo slogan del Gruppo è “we connect the dots” perché connettiamo i punti, le persone, le cose, ovvero opportunità, necessità, strategie atte a risolvere i problemi del nostro lavoro, a condizionare la vita ed il lavoro delle persone. Persone sia all’interno del Gruppo sia fuori. Questo valore implica i sotto-valori del: rispetto, confronto, condivisione, diversità come valore e con come problema. L’azienda è fatta di persone e le persone sono l’azienda dentro e fuori l’ambiente di lavoro. Dobbiamo essere consapevoli che il nostro valore, il nostro futuro siamo noi, tutti insieme come una squadra e non come un gruppo. L’azienda è un patrimonio di tutti che tutti dobbiamo salvaguardare.
  2. La qualità: diamo qualità alla nostra vita e non quantità. Cerchiamo di fare le cose al meglio possibile, sapendo che comunque il mondo, e tanto meno noi, è perfetto ma la qualità di ciò che facciamo e la qualità di come viviamo dipende da noi. Si può vivere bene dando qualità al nostro tempo, all’impiego del nostro tempo. Iniziamo da qui. Noi al centro del nostro progetto qualitativo.
  3. L’ambiente: niente ha senso se non ci sarà più un mondo vivibile. Anche noi dobbiamo dare un senso e sottoscrivere un impegno per salvaguardare il futuro. Impegniamoci per un futuro migliore, sia di 3C sia delle nostre famiglie, sia del Mondo. Rispettare i target significa impegnarsi per migliorarsi, per assicurarsi un futuro nel modo del lavoro e tutti noi sappiamo quanto sia difficile, oggi, parlare di lavoro soddisfacente e non, sicuro o precario. Iniziamo ad apprezzare ciò che abbiamo e valorizziamolo, smettiamola di lamentarci, iniziamo a fare un esame di coscienza consapevoli dei costi che l’azienda paga per garantirci questo posto di lavoro. I risultati che valutiamo sono quelli dei bilanci ma dobbiamo iniziare a valutare bilanci a lunga scadenza perché solo così avremo la possibilità di assicurarci risorse per il futuro.
  4. Valorizzare i nostri errori: in un mondo in continua evoluzione, dove le variabili ambientali cambiamo ogni giorno, è normale che chi fa, può commettere errori, ma da questi errori dobbiamo trarre l’insegnamento per migliorare il nostro operato. Degli errori, cerchiamo la causa e non il colpevole, trovata la causa si possono trovare le soluzioni perché si possa imparare e far sì che non si ripetano. Importante è la condivisione degli errori e delle soluzioni trovate, così cresce tutto il gruppo.
  5. Facciamo crescere i nostri talenti: impariamo ad accettare le nostre negatività strutturali (siamo piccoli rispetto ad altri nostri competitor), risolviamo le negatività tecniche (se non parliamo inglese, facciamo dei corsi per parlarlo) ma soprattutto valorizziamo chi siamo (quelle cose che ci fanno diversi dagli altri, quelle cose per cui i clienti ci scelgono). Questa visione anche sulle persone dell’azienda ci dia stimolo per migliorarci e non per standardizzarci.
  6. Atteggiamento: prima ancora di parlare di risultati, di obiettivi o di condivisioni partiamo dall’atteggiamento. Tutti possiamo e dobbiamo migliorarlo, tutti dobbiamo cambiare atteggiamento di fronte alle necessità o alle persone soprattutto. Un atteggiamento di rispetto ci aiuterà a valutare meglio persone e situazioni senza giudicare o pregiudicare.

La Proprietà e Direzione Generale

  1. Assicura la massima diffusione del Codice Etico presso i dipendenti e collaboratori, i fornitori ed i soci, fornendo il necessario supporto interpretativo delle disposizioni ivi contenute;
  2. Predispone le azioni di comunicazione finalizzate alla miglior conoscenza ed attuazione del Codice;
  3. Partecipa alla definizione dei criteri e delle procedure intesi a ridurre il rischio di violazione del Codice, collaborando con le funzioni di volta per volta competenti;
  4. Svolge le necessarie verifiche in ordine ad ogni notizia di violazione di norme del Codice, anche al fine dell’applicazione da parte delle funzioni competenti delle necessarie misure sanzionatorie;
  5. Monitora periodicamente lo stato di applicazione del Codice all’interno del Gruppo.

 

Pier Carlo Bruno

Proprietà e Direzione Generale Gruppo 3C